FONDAZIONE AMILCARE 1 Ottobre 2019

Presentazione del libro di Sergio Devecchi

Si è svolta il 21 maggio 2019 presso il Teatro Sociale di Bellinzona la presentazione del libro di Sergio Devecchi, a cura delle Edizioni Casagrande e della Fondazione Amilcare.

Guarda il video

 
Il libro che racconta la sua storia di bambino sottratto a sua madre quando aveva sei giorni, e collocato in istituti in Ticino (Pura, Von Mentlen, Pollegio) e poi a Zizers nei Grigioni, dove ha subito maltrattamenti di ogni sorta e da dove scappava in continuazione, irrequieto con un forte senso di ingiustizia, alla ricerca delle proprie origini e della propria identità.
Poi la svolta, studia pedagogia e diventa educatore, fondatore e direttore di vari istituti per minori in Svizzera tedesca, ma anche consulente e membro di diversi gruppi professionali per poi diventare presidente di Fondazioni attive nella protezione dei minori tra cui INTEGRAS.
Negli ultimi anni, su mandato della Confederazione, è stato anche consulente per i diritti umani per la protezione dei minori collocati in Russia.
 
Al momento del pensionamento, Sergio Devecchi ha deciso di raccontare la sua storia che aveva tenuto nascosta fino a quel momento.
Poi l’impegno alla Tavola Rotonda per far sentire la voce di tutti coloro che, come lui, hanno subito un collocamento coercitivo, e la pubblicazione del libro in tedesco “Heimweh”.
Le Edizioni Casagrande, con grande sensibilità, hanno deciso di tradurre il libro e pubblicare in italiano “INFANZIA RUBATA : la mia vita di bambino sottratto alla famiglia” che racconta anche la sua vita di educatore quando si confrontava con i ragazzi collocati, ma anche di come ha ritrovato la sua famiglia di origine. La premessa del libro è stata curata da Marina Carobbio.
 
Con la collaborazione della fisarmonica di Andy Becirovic e con Daniele Piazza.
 
 

INDIETRO